LA DONNA GRILLO

//LA DONNA GRILLO

LA DONNA GRILLO

C’era un giovane che andava sempre a caccia. Un giorno, sulla strada del ritorno, senza che se ne accorgesse, gli saltò in spalla un grillo verde (chiamato hihi).

Il grillo tornò a casa con lui, e durante la notte si trasformò in una donna, e dormì con lui. Questo accadde per molti mesi, finché i genitori se ne resero conto. Da quel momento la ragazza smise di vivere da grillo e visse come donna. Ma non rimaneva mai sola in casa, perché andava ovunque andasse il marito.

Un giorno la madre del ragazzo, pulendo la camera del figlio, si accorse che la Donna Grillo aveva nascosto tutte le sue uova sotto il letto.

Quando la Donna Grillo vide ciò, disse al giovane che doveva assolutamente andarsene, e lui poteva accompagnarla se voleva.

Lui decise di scappare con lei, e nella foresta arrivarono ad un albero che si chiama Rayu Chakana (Scala di Rayu).

La Donna disse al giovane di chiudere gli occhi, e scomparvero insieme salendo la Scala di Rayu.

Arrivarono alla casa di Rayu Apaya, che era il padre della Donna Grillo. Lui dormiva. La donna consigliò a suo marito “ Non avere paura se mio padre ti parla.” E gli soffiò. Gli disse di masticare la radice di dunduma (pianta per curare la diarrea) e che, se gli avesse parlato suo padre, di soffiargli contro con tutta la sua forza.

Subito si svegliò Rayu Apaya, e cominciò a tuonare. Il giovane stava nascosto sotto una grande ciotola di terra, quando Rayu Apaya gli lanciò un soffio di fuoco. Il giovane rispose soffiando forte, e siccome la Donna Grillo gli aveva dato il potere di suo padre, come lui lanciò fuoco.

Vedendo che il ragazzo sputava fuoco  come lui, Rayu Apaya lo accettò come genero, e lo accolse nella sua casa.

Ancora oggi Rayu Apaya vive lassù, molto in alto nel cielo, con sua figlia, la Donna Grillo, e il genero.

Per questo gli anziani hanno rispetto per i grilli, poiché sanno che sono molto potenti, come il padre, padrone del tuono e del lampo.

By |2019-04-01T09:54:15+00:00aprile 1st, 2019|Guayusa Racconti|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment