LA NASCITA DEL BOA

//LA NASCITA DEL BOA

LA NASCITA DEL BOA

Un giorno Kuyllur e Duciru camminavano nella foresta, quando si avvicinò una bellissima donna dai lunghi capelli e la vita sottile. Duciru si innamorò di lei a prima vista e , non volendo fare caso agli avvertimenti di suo fratello, decise di avere una relazione con lei. Nel momento in cui cominciarono a fare l’amore, lei si trasformò in una rana e cominciò a saltare per ogni lato, portando ancora il pene di Duciru dentro di se. Vedendo che il pene si stirava esageratamente fino quasi a rompersi, Duciru disperato gridò a suo fratello di aiutarlo -“Corri, veloce! Aiutami fratello!”

Quindi Kuyllur prese un coltello, misurò un palmo con la mano, e tagliò il pene a suo fratello. E’ per questo che gli anziani dicono che il pene di un uomo è più i meno della misura di un palmo.

Dopo essersi liberati della donna rana, Duciru e suo fratello tirarono il resto del pene e lo tagliarono in pezzi, e li gettarono nel fiume. Da quel momento, raccontano gli anziani, i pezzi del pene si trasformarono in grandi boa, per questo fino ad oggi ci sono boa nei fiumi della zona Jondachi, Hollìn, Hatun Pusunu, Yurak Pusunu e Napo, tra gli altri.

By |2019-04-01T09:53:06+00:00aprile 1st, 2019|Guayusa Racconti|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment