SALTIA SUPAY

//SALTIA SUPAY

SALTIA SUPAY

Molti anni fa, quando non c’erano carri, e la maggior parte della gente si muoveva a cavallo, molti uomini naporuna camminavano fino a Quito, due volte in settimana, trasportando carichi.

Durante il viaggio moriva sempre qualcuno degli uomini in cammino.

Passarono gli anni, e si resero conto “Ci sarà un supay (spirito invisibile, buono o cattivo) che uccide gli uomini durante il cammino?”

Un giorno gli uomini camminavano con il loro carico, quando videro andargli incontro dalla montagna una vecchina con una pentola di cibo in mano. Gli anziani la chiamano Saltia Supay.

Alcuni uomini erano saggi e rifiutavano il cibo di questa donna. Altri, invece, stanchi e affamati per la camminata, accettavano il cibo offerto. Questi uomini, dopo aver mangiato, si addormentavano sulla strada e la Saltia Supay se li mangiava.

Per questo, gli anziani impararono che quando andavano a Quito, dovevano portare il proprio cibo, per non cadere nella tentazione di accettare il cibo della Saltia Supay. Così poi tornavano tranquilli alla loro casa.

 

La cultura naporuna, come molte altre culture indigene nel mondo, sta sperimentando un processo di cambiamento rapido come risultato dell’integrazione economica, politica e culturale. I mass media come la televisione e internet hanno un influenza significativa sull’educazione dei giovani kichwa oggi, e hanno aumentato il ventaglio delle forme di informazioni a cui essi possono accedere. Allo stesso tempo questi media hanno diminuito la frequenza delle interazioni inter generazionali dalle quali prima di ciò i naporuna ricevevano la maggior parte degli insegnamenti culturali.

Per questo motivo, e in egual misura per la lunga storia di razzismo e emarginazione delle popolazioni indigene, la tradizione orale naporuna si vede disprezzata da alcuni giovani kichwa, e molti di essi non hanno interesse ad apprendere dalla saggezza e dalle esperienze dei pardi, delle madri, dei nonni e delle nonne. In ogni caso questo processo di cambiamento culturale non fa parte di un “evoluzione” culturale, e nemmeno significa una perdita totale di quello che è lo stile di vita naporuna. Nonostante i molti cambiamenti portati da questa globalizzazione, molti kichwa, adulti giovani e bambini, mantengolo la loro identità culturale attraverso l’educazione bilingue, la partecipazione alla musica e alle danze di gruppo kichwa, al lavoro in comunità basate sull’ecoturismo, e in molte altre attività che rafforzano e rinnovano la cultura kichwa in questo momento di transizione.

By |2019-04-01T09:55:19+00:00aprile 1st, 2019|Guayusa Racconti|1 Comment

About the Author:

One Comment

  1. Buy Followers maggio 25, 2019 at 7:57 am - Reply

    L’Associazione Sportivo Dilettantistica LE NUVOLE, fondata nel 2007, trova sede all’interno della Azienda Agricola LA CASA HEYOKA .Negli anni successivi, all’equitazione da campagna vengono affiancati man mano il volteggio e la giocoleria a cavallo, che divengono parte SALTIA SUPAY .

Leave A Comment